Nuove regole a scuola: «Dare del “lei” ai prof e alzarsi quando entrano»

0
144

Gli alunni devono tornare a dare del lei agli insegnanti, ad alzarsi quando entra un docente e a vestirsi in modo adeguato, magari ripristinando il grembiule. Sono i passaggi dettati da Elena Donazzan, assessore regionale all’Istruzione del Veneto, per ricostruire i fondamentali di riferimento del mondo della scuola. Dando allo stesso tempo un giro di vite nei confronti dei genitori più irruenti: d’ora in poi chi si presenterà negli istituti in modo violento e aggressivo prendendosela con gli insegnanti e interferendo con l’attività didattica, sia a livello verbale se non addirittura alzando le mani, verrà denunciato.

Per la Donazzan si tratta di un imperativo categorico. Un tema sul quale anche l’ufficio scolastico di Treviso è sulla stessa lunghezza d’onda. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato quanto accaduto poco prima di Natale nella scuola media di Badoere, dove il papà di un alunno che aveva preso un brutto voto è entrato nell’istituto, ha spalancato la porta della classe del figlio, interrompendo la lezione in corso, e ha iniziato a interrogare i suoi compagni di classe chiedendo loro se l’interrogazione fosse realmente andata così male. Non pago, se n’è andato avvisando la professoressa che si attendeva una revisione del voto. «Trovo corretto denunciare questi episodi all’autorità giudiziaria, come appunto ha fatto Daniela Bettini, preside dell’Istituto comprensivo di Quinto e Morgano, e come giustamente chiesto da Barbara Sardella, dirigente dell’ufficio scolastico di Treviso mette in chiaro l’assessore regionale . Le istituzioni scolastiche devono tutelare il loro personale, evitando intromissioni e ingerenze da parte di genitori violenti che, con la loro condotta, di certo non rappresentano un esempio da seguire per i propri figli. Violenze verbali e fisiche nonché ingerenze inaccettabili come quella accaduta nel comune trevigiano, minano il rapporto pedagogico alunno-insegnante, mettendo in dubbio l’autorevolezza di chi è chiamato al ruolo di educatore delle future generazioni».

MALCOSTUME DIFFUSO
L’assessore Donazzan detta una linea precisa: «Tutto questo è inaccettabile – conclude -. E purtroppo non è un fatto isolato, né l’unico problema in merito all’autorevolezza delle istituzioni educative. Avevo già denunciato questa degenerazione. Non serve una legge, servirebbe piuttosto ricostruire i fondamentali di riferimento: dal rivolgersi con il Lei ai docenti, all’alzarsi in piedi alla sua entrata, al corretto abbigliamento, magari con il ripristino del grembiule o di una divisa scolastica segno di decoro e di appartenenza, fino ad arrivare ad una lotta unanime contro l’uso di ogni droga tra i più giovani».

Fonte. https://www.leggo.it/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here